salta al contenuto

Atti di straordinaria amministrazione per interdetto o minore sotto tutela

COS’È

Il Giudice Tutelare autorizza il tutore al compimento di alcuni atti di straordinaria amministrazione (acquisto di beni mobili e immobili, assunzione di obbligazioni, consenso alla cancellazione di ipoteche e svincolo di pegni, accettazione o rinunzie di eredità e donazioni, riscossione di capitali, reimpiego di somme, contrazione di mutui, promuovere giudizi, ecc.) quando esso sia necessario ed utile per il minore sotto tutela o per l’interdetto.

Per altri atti è necessaria invece l'autorizzazione del Tribunale, come per esempio:

  • vendita beni immobili e beni mobili;
  • costituzione pegni o ipoteche;
  • divisioni o promozione di relativi giudizi;
  • compromessi e transazioni o accettazione di concordati.

CHI

L’istanza deve essere presentata dal tutore. È competente il Giudice Tutelare che ha in carico la tutela.

COME

Per gli atti di straordinaria amministrazione per interdetto o minore sotto tutela va presentata istanza al Giudice Tutelare del luogo di residenza dell’interdetto o del minore sotto tutela.

DOCUMENTAZIONE

Istanza, tramite Moduli:

Occorre allegare alla domanda a seconda dei casi la seguente documentazione:

  • documentazione della somma da riscuotere e/o originale dell’atto di quietanza;
  • documentazione delle spese sostenute ed eventualmente da sostenere;
  • eventuale testamento;
  • documentazione sulla passività dell’eredità;
  • perizia asseverata con materiale fotografico descrittivo dell’immobile da vendere e da acquistare;
  • atti di causa;
  • perizia asseverata di valutazione dell’impresa;
  • eventuale documentazione ulteriore relativa all’atto da compiere.

DOVE

Cancelleria Volontaria Giurisdizione – III piano – Stanza 308

  • Responsabile: dott. Giovanni SISTO;
  • Addetto: sig.ra Rosanna ANTONACCI.

COSTO

  • Esente da contributo unificato;
  • € 27,00 diritti forfetizzati per notifiche.

TEMPI

10 giorni circa.

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Art. 375 c.c.;
  • art. 394 c.c.;
  • art.424 c.c..