salta al contenuto

Ricorso a tutela del coniuge separato o divorziato

COS’È

Qualora il coniuge obbligato non rispetti le condizioni economiche previste dalla separazione o dal divorzio, il coniuge avente diritto può chiedere al Tribunale un provvedimento per ottenere:

  • il pagamento diretto da parte del datore di lavoro (o del terzo che è tenuto periodicamente al pagamento di somme di denaro) del coniuge inadempiente;
  • oppure il sequestro dei beni del coniuge obbligato a versare l'assegno.

CHI

Il ricorso è presentato dal coniuge avente diritto, accompagnato da legale.

COME

Il ricorso deve essere presentato presso il Tribunale del luogo di residenza del convenuto tramite l’assistenza di un avvocato.

DOCUMENTAZIONE

  • Ricorso da presentare tramite avvocato.

DOVE

Cancelleria Volontaria Giurisdizione – III Piano - Stanze 308

  • Responsabile: dott. Giovanni SISTO;
  • Addetto: sig.ra Rosanna ANTONACCI.

COSTO

€ 98,00 contributo unificato.

TEMPI

Un mese circa.

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Art. 156 c. c.;
  • art. 8 Legge 1970 n. 898 e successive modificazioni.